ARTICOLI DAL WEB - Nave di Atlantide nel Grand Erg Orientale?

di Alberto Arecchi

 

 

RITROVATA DAL SATELLITE UNA NAVE DI ATLANTIDE?

Uno strano oggetto appare nelle foto satellitari di Google Earth, in un punto del Grand Erg orientale, nel profondo sud dell’Algeria, verso est, in direzione della Tunisia e di Ghadamès, dove secondo le mie ricerche c'era il gran lago che "affondò" Atlantide con la tracimazione delle proprie acque.

 

 

Le coordinate geografiche dell'oggetto semisepolto nelle sabbie sono: 31°01'25" N - 7°58'32" E.

La località si trova in prossimità dei campi petroliferi denominati Rhourde el Khrouf, in corso di sfruttamento, a non grande distanza da Rhourde El Baguel (un centinaio di km verso Sud-est, in direzione del confine tunisino). Rhourde El Baguel è per importanza il secondo giacimento petrolifero dell'Algeria, ragion per cui la presenza umana nella zona non è così rarefatta come si potrebbe pensare, quando si parla di "gran deserto di sabbia", ma è una zona con piste d'atterraggio e con un certo passaggio di auto fuoristrada.
Ecco perché nei dintorni si vedono piste, casupole e tracce di autoveicoli.

La misteriosa forma affusolata, molto simile ad una chiglia di nave rovesciata, è inserita quasi in diagonale all'interno di altre tracce (formate da due linee parallele) che formano un ampio rettangolo (dimensioni di circa 120 x 200 m) e s'interrompono verso Nord presso la cresta d'una duna. Dall'alto a destra di questa specie di "recinto" provengono altre due tracce parallele che scavalcano la cresta della duna, e sono con evidenza le tracce delle ruote d'un veicolo fuoristrada. Anche quello che sembra un “recinto rettangolare” potrebbe essere prodotto dalle tracce di fuoristrada che vanno dritto, anziché zigzagare ... il passo tra le ruote è esattamente identico, come si può notare dall'esame dell’altra traccia che scavalca la duna.

 


L'oggetto appare in rilievo, in una leggera depressione scavata dal vento lungo i lati della punta.
Si direbbe trattarsi d'un lungo oggetto affusolato, affondato nella sabbia all'estremità in basso a sinistra e sollevato all'estremità verso l'alto a destra della foto (ossia N-E). Occorre infatti tener conto che l'illuminazione solare della foto proveniva da Sud-est, ossia da destra in basso. L’oggetto deve essere costituito da materiali abbastanza robusti da averne impedito la deformazione, nonostante una prolungata esposizione agli agenti atmosferici ed alle azioni corrosive dei venti del deserto.

La foto satellitare risale al 20 gennaio 2005.

 


L'oggetto è segnalato sulla cartografia di Google Earth col seguente tag: "ancient alien spacecraft - I found this crazy thing in the desert of Algeria. I have no idea what this it but it looks great. Found date: 19-07-2006. Found by: minel72 forum-id: http://www.googleearthhacks.com/forums/showthread.php?t=7604".
Secondo la persona che l'ha segnalata (che si qualifica con lo pseudonimo “minel72”), la "matita", lunga circa un centinaio di metri, potrebbe essere un oggetto di provenienza aliena ... non potrebbe invece essere un'antica nave?
Il manufatto appare chiaramente artificiale, ancorché l'ipotesi extraterrestre appaia azzardata. Il relitto non ha tuttavia per nulla l'aria di un manufatto "moderno".
Se fosse una struttura militare, avrebbero provveduto ad oscurarla su Google Earth, come altre ... Sul fondo di quello che fu, sino al 1200 a. C., uno dei più grandi laghi che circondavano l'area del bacino Mediterraneo, possiamo supporre che si tratti proprio del relitto della carena d'una nave, e d'una nave dell’antico popolo dei Tjehenu che popolava quest'area e che le mie ricerche fanno identificare come "il popolo di Atlantide".
Il calcolo delle quote dà come risultato una lunghezza dell'oggetto misterioso, sepolto nelle sabbie, di 100 metri, da punta a punta.
Si tratterebbe quindi di una nave piuttosto lunga, ma ho altresì scoperto che delle navi "minoiche" (le più vicine alla cultura della nostra Atlantide, per l'epoca e per lo stile) non si conoscono misure precise, dato che nessun relitto è stato trovato in condizioni adeguate per misurarle.

 


La presenza d'un relitto di tali dimensioni nel gran lago interno si giustificherebbe non tanto con esigenze legate alla navigazione, quanto piuttosto con ragioni cerimoniali. Si veda a tale proposito il celebre dipinto rupestre di Jabbaren, con le offerte cerimoniali e la veduta della barca nel lago, del quale accludo la riproduzione.

 

www.liutprand.it - www.liutprand.eu 

 

 

ATLANTIDE ATLANTIDE E IL 2012 BRASILE PREISTORICO CERCHI NEL GRANO CERCHI: IPOTESI BIOFISICA CERCHI NELL'ANTICHITA' I MAYA I SUMERI LA VERA ATLANTIDE NAVE DI ATLANTIDE? PETROGLIFI DI QUIACA PIRAMIDI DI PANTIACOLLA ROVINE DI MIRAFLORES TOMBA GUANENTA' UNA RIFLESSIONE VIAGGIO SPIRITUALE ...

 

ULTIMO AGGIORNAMENTO 09 GIUGNO 2008

 

Home MAPPA SITO MI PRESENTO MISTERI I "CERCHI" LINK NEWS - CONGRESSI SETI@HOME DISCLAIMER MAILING LIST ARTICOLI DAL WEB