MISTERI DEL MONDO - "Fairies"

 

 

  

 

 

Il termine inglese "Fairies" è molto difficile da tradurre in italiano (forse la traduzione più precisa è quella di "Piccolo Popolo"); con esso infatti si indicano collettivamente migliaia di creature fantastiche, a volte dalle caratteristiche ben diverse, che nell’immaginario collettivo dimorano nei boschi. Con la parola Fairies si può intendere una fata, un folletto ed altri numerosissimi esseri misteriosi, che possono indifferentemente far parte delle forze del Bene o del Male.

Nella Verde Terra d'Irlanda nascono la gran parte di folletti e creature fatate, ma esse sono presenti anche in tutto il resto della Gran Bretagna, dalla Cornovaglia al Galles, dall'isola di Man alle Highlands scozzesi.

 

"Fairyland" è, nel folklore britannico, il mondo di queste creature fatate; i Fairies, che vivono nel loro mondo fatato ma non disdegnano di fare incursioni nel nostro mondo, possono essere distinti in due grandi categorie o famiglie, che a seconda dei vari popoli assumono nomi diversi. Gli Scandinavi parlano di Elfi della Luce ed Elfi dell'Oscurità, mentre gli Scozzesi di Corte Benedetta e di Corte Maledetta.

La differenza principale tra queste due famiglie di Fairies consiste nel loro comportamento nei confronti degli umani e nella loro pericolosità, come del resto fanno ben intuire gli appellativi citati.

La Corte Benedetta (o Elfi della Luce) annovera tra le sue file le cosiddette forze del Bene o, comunque, tutte quelle creature che aiutano gli uomini o si limitano a far loro innocenti scherzi. Essa comprende ad esempio i famosissimi Tuatha de Danaan, le fate benigne, i folletti socievoli (come gli Sheoques), e molti altri esserini simpatici e burloni, come i Pixies e i Brownies.

La Corte Maledetta (o Elfi dell'Oscurità) incarnano, invece, le forze del Male e sono, ahimè, ben più numerosi dei rappresentanti della corte benedetta. I più temibili sono il cosiddetto Berretto Rosso, che intinge il suo cappello nel sangue umano, creature mostruose come il Nuckelavee o i Goblins e tutti i cosiddetti folletti solitari, con qualche eccezione.

 

DOVE SI TROVA FAIRYLAND

Fate e folletti, elfi e gnomi, allietano da sempre i sogni dei bambini nel contempo affascinando l’uomo: numerose tribù indiane degli Stati Uniti e del Canada credono nell’esistenza di “esseri minuscoli”, che abitano il nostro pianeta e si recano saltuariamente sulle rive dei laghi per procurarsi acqua. Tali luoghi sono considerati sacri dagli indiani, decisi a non violare le tradizioni altrui. Artur Machen, giornalista irlandese esperto in credenze sovrannaturali, fu certo della esistenza sul nostro pianeta di “esseri minuscoli”: egli pensò alla discendenza di una razza di individui preistorici che scomparve con l’avvento dei Celti.

I villaggi dei Fairies si trovano celati sotto i cosiddetti "Brugh", ovvero le colline fatate. Per gli umani riuscire a penetrare in tali luoghi è pressoché impossibile a meno che essi non siano condotti là dagli stessi Fairies, circostanza questa da evitare il più delle volte poiché le fate potrebbero invitarvi a turbinare nelle loro danze sfrenate e potreste essere costretti a danzare fino alla morte. C'è, però, un altro modo di recarsi a Fairyland, ed è quello di utilizzare le numerose porte d'accesso sparse per il mondo, che sfortunatamente non sono continuamente aperte, ma si spalancano una sola volta in una generazione.

Secondo la leggenda, in Italia nei pressi della cittadina di Arona sul Lago Maggiore, si troverebbe, nascosto in una rupe, un accesso a Fairyland che si aprirebbe ogni cento anni.

 

IMMAGINI DEL "PICCOLO POPOLO"

 

 

Un Libro:

 

THE WORLD OF FAIRIES
di GOSSAMER PENWYCHE
Sterling Publications

Un CD Musicale:

 

FAERIES AND DREAMS

di Stephen Rhodes

Da bambino, Gossamer Penwyche ha avuto un'esperienza che ha trasformato la sua vita in una ricerca incessante di tutto ciò che è diverso dalla ordinaria percezione umana: mentre stava giocando in un vicolo vicino casa, una brezza calda e avvolgente iniziò a girare intorno a lui, facendo delle rotazioni circolari, sincronizzate con il vento. Gli uccelli, precedentemente fatti tacere dalla presenza di un gufo, iniziarono a stridere fortemente e sopra le vibrazioni melodiose degli uccelli, Gossamer ascoltò il suono di voci dolci e gioviali che cantavano una canzone.

Lasciati trasportare in un viaggio musicale attraverso un posto incantato e magico. Viaggia attraverso paesaggi idilliaci ed incontra gli abitanti saggi e meravigliosi del regno di Faery. Le flessuose e delicate melodie di Stephen Rhodes scorrono come passi lenti e come in un sogno.
Faeries and Dream è un viaggio che intensificherà l'autoconsapevolezza e ci aiuterà a mettere le difficoltà e le preoccupazioni del nostro mondo alle nostre spalle.

 

 

Per saperne di più:

MITI E FAIRIES

FAIRIES

FAIRIES PIù CONOSCIUTI

FOLLETTI PIù FAMOSI

IL PITTORE DEI FAIRIES

 

 

GLI "OOPART" PIU' FAMOSI

 

 

LEY LINES STONEHENGE

 

ULTIMO AGGIORNAMENTO 25 GIUGNO 2003

 

Home MAPPA SITO MI PRESENTO MISTERI I "CERCHI" LINK NEWS - CONGRESSI SETI@HOME DISCLAIMER MAILING LIST ARTICOLI DAL WEB